Argentina – esportazioni di vino – aggiornamento 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Se cercavate qualcuno che va bene nel Regno Unito, l’avete trovato. Si tratta dei vini argentini. I dati che analizziamo oggi di UN Comtrade sono particolarmente interessanti. Il vino argentino è riuscito a “tenere” il valore delle esportazioni nonostante un calo strutturale importante dei volumi ed è riuscito anche a compensare l’arretramento nel mercato americano (cavallo di battaglia fino a qualche anno fa) con altre piazze, il Regno Unito su tutti. I dati 2017 vedono un calo del 3% delle esportazioni a 714 milioni di euro, ma il dato sui 5 anni è invariato. I volumi sono invece calati del 13% a 2.2 milioni di ettolitri, e addirittura del 10% annuo nel quinquennio (si legge: dimezzati). Su queste conclusioni si potrebbe poi innestare il discorso della svalutazione del peso argentino, che nel 2018 sta letteralmente “scappando via”. Il cambio peso/dollaro nel 2017 è calato del 12%, dopo il -60% del 2016. I 736 milioni di euro di esportazioni del 2015 erano per i produttori locali 7.5 miliardi di peso. I 714 milioni del 2017 si trasformano in 13.3 miliardi di peso. Pensate all’inflazione galoppante e alla difficolta di tenere in equilibrio i conti quando il valore della moneta cambia così rapidamente. Ma per ora concentriamoci sui dati 2017.

 

  • Le esportazioni argentine di vino sono leggermente calate nel 2017 a 714 milioni di euro (-3%) ma sono in realtà pressochè stabili rispetto a 5 anni fa.
  • La differenza tra il 2016 e 5 anni fa e ora sono certamente i volumi esportati, crollati a 2.24 milioni di ettolitri. Erano 2.6 nel 2016 e 3.7 milioni nel 2012. Se andiamo ancora più indietro troviamo addirittura alcuni anni in cui l’export toccava quota 4.3 milioni di ettolitri.
  • Messe così le cose, l’Argentina è riuscita ad affrancarsi dalla forte dipendenza dall’export di vino sfuso (peraltro molto competitivo vista la forte svalutazione): nel 2017 infatti soltanto 60 milioni di 714 non sono vino in bottiglia.
  • Il mercato storicamente forte per i vini argentini, gli USA, hanno perso quota per il secondo anno consecutivo, con un -9% a 239 milioni, su un calo dei volumi del 18% a 0.6 milioni di ettolitri. Nel 2017 sono finiti in USA il 28% del vino esportato in volume e il 34% a valore. Era oltre il 40% nel 2012.
  • A compensare il calo americano c’è il Regno Unito, dove l’export ha messo a segno un +10% a 89 milioni di euro, dopo diversi anni di crescita ininterrotta. Decisamente una delle poche nazionalità a fare bene in questo mercato.
  • Altro mercato in forte ripresa è il Brasile, dove le esportazioni hanno sfiorato di nuovo quota 50 milioni dopo diversi anni.
  • Oltre agli USA sono in forte calo alcuni altri mercati come l’Olanda (-16% ma dopo diversi anni di crescita), a sorpresa la Cina (-6%) e, di nuovo a sorpresa, il Messico (-27%), che rappresenta per diversi settori incluso il vino una delle nuove frontiere dell’export.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href=/www.inumeridelvino.it/2018/08/"" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>