// //
Filcams Cgil conferma Odoni segretario
Breaking News

Filcams Cgil conferma Odoni segretario

Vicenza – Proseguono i congressi delle categoria sindacali della Cgil di Vicenza, con il rinnovo delle rispettive segreterie. Ieri è stato il turno della Filcams (Federazione italiana dei lavoratori del commercio, alberghi, mense e servizi), che ha riunito i suoi delegati all’Oasi Rossi di Santorso ed ha confermato segretario il 41enne Alessio Odoni. Su 43 votanti 42 hanno sostenuto Odoni, con un astenuto. Sono 4709 gli iscritti alla categoria nella nostra provincia, che comprende anche parrucchiere ed estetiste, vigilanza e portierato, lavoro domestico e pulizie, fino al il personale degli studi professionali e a quello delle farmacie.

Alessio Odoni
Alessio Odoni

Per giungere al congresso, la Filcams ha svolto 67 assemblee in cui il 99,8% ha sostenuto il documento “Il lavoro è” (detto documento Camusso). I delegati al congresso che hanno espresso l’assemblea che ha votato il segretario erano 84 (53 donne e 31 uomini). All’assemblea di ieri erano presenti Giancarlo Puggioni, per la Cgil di Vicenza e la segretaria generale regionale Filcams Cecilia de’ Pantz.

Quanto ai temi toccati nella relazione del segretario uscente e discussi nella giornata, si è parlato di diseguaglianze e differenze di salario che vi sono per donne e giovani, anche in questa categoria, della difficoltà di conciliare la famiglia con di lavoro, del problema che esiste nell’inquadramento di molti giovani che lavorano con le nuove tecnologie digitali e che non sono ancora coperti da un contratto di lavoro nazionale.

Odoni, che è in Filcams dal 2008 e che proviene dalla grande distribuzione, ha criticato il Def del governo, in particolare su condono e flat tax, ma anche sull’assenza di proposte per il futuro e per i giovani. Negli ultimi quattro anni la categoria ha gestito e risolto ottomila vertenze individuali e sottoscritto oltre mille accordi aziendali. Ora la Filcams vuole rilanciare la contrattazione e lavorare a livello provinciale su quella di secondo livello e sul welfare, quindi anche su quella territoriale. Nel futuro più prossimo saranno rilanciate una serie di iniziative per il rinnovo di alcuni contratti nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *